CORONAVIRUS: AIUTI ALLE IMPRESE
Coronavirus: prorogati termini versamenti fiscali 16 marzo, nuove scadenze e sospensioni in prossimo Decreto Legge | Confidi Trentino Imprese sospende la rata dei mutui fino a settembre 2020 | Provvedimenti della Pat a sostegno delle imprese | Provvedimenti statali
 19/03/2020   Tipologia news: Incentivi alle imprese / contributi vari   Fonte: Nostre elaborazioni
Visualizza anteprima di stampa Torna indietro




* CORONAVIRUS, LA PROVINCIA APPROVA I CRITERI PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI

La Giunta della Provincia Autonoma di Trento ha approvato i criteri per la concessione dei contributi in conto interessi, in attuazione a quanto disposto dalla Legge provinciale n. 2/2020 e dal Decreto Legge del 17 marzo 2020 n.18, e lo schema del protocollo d’intesa tra Cassa del Trentino Spa, banche, Confidi e altri intermediari finanziari per la promozione della ripresa economica del Trentino.

Il protocollo, che andrà sottoscritto nei prossimi giorni, impegna le parti fino alla data del 31 marzo 2021.

 

* Scarica la nota illustrativa del protocollo

* Scarica la tabella di sintesi dei contenuti

 

 


 

Leggi anche:

* Via libera al Fondo Ripresa Trentino: 250 milioni di euro in favore di imprese e lavoratori autonomi danneggiati dagli effetti dell’epidemia

Nella delibera della Giunta anche una moratoria sui mutui con sospensione delle rate o rinegoziazione del debito

CLICCA QUI per accedere a tutti i dettagli
* IL CONSIGLIO PROVINCIALE HA APPROVATO IL DISEGNO DI LEGGE 50 
Misure di sostegno per le famiglie, i lavoratori e i settori economici connessi all’emergenza epidemiologica da covid-19 e altre disposizioni

La legge provinciale si muove sullo stesso solco del decreto legge nazionale del 17 marzo 2020 n.18 .
Entrambi i provvedimenti si muovono infatti nella medesima direzione di garantire per il momento la liquidità nelle  azienda e nelle famiglie.Si dovrà necessariamente intervenire a breve per garantire robusti interventi che assicurino la tenuta delle imprese con provvedimenti di sostegno  seri e concreti.

CLICCA QUI per accedere ai dettagli
 

CLICCA QUI per accedere al decreto

* DECRETO LEGGE CURA ITALIA 17 marzo 2020  Novità per le imprese del terziario

Sono quattro i fronti principali su cui interviene il Decreto Legge 17 marzo 2020 e riguardano:

 

  1. il finanziamento per il potenziamento del Sistema sanitario nazionale, della Protezione civile e degli altri soggetti pubblici impegnati sul fronte dell’emergenza;
  2. il sostegno all’occupazione e ai lavoratori per la difesa del lavoro e del reddito;
  3. il supporto al credito per famiglie e micro, piccole e medie imprese, tramite il sistema bancario e l’utilizzo del fondo centrale di garanzia;
  4. la sospensione degli obblighi di versamento per tributi e contributi nonché degli altri adempimenti fiscali ed incentivi fiscali per la sanificazione dei luoghi di lavoro.


 CLICCA QUI per tutti i dettagli


 

CLICCA QUI per accedere alle misure fiscali
* LE MISURE FISCALI

Il decreto legge Cura Italia da poco pubblicato sulla gazzetta ufficiale come chiarito dal Ministro contiene le misure ritenute urgenti per il mese di marzo 2020. 
Il decreto rappresenta soltanto una prima risposta alla crisi “Coronavirus”, a questo decreto ne seguirà un altro nel mese di aprile.
Proponiamo in questa sezione le misure fiscali perviste dal Decreto.


* CORONAVIRUS: PROROGATI TERMINI VERSAMENTI FISCALI 16 MARZO, NUOVE SCADENZE E SOSPENSIONI IN PROSSIMO DECRETO LEGGE

I termini relativi ai versamenti previsti al 16 marzo saranno differiti con una norma nel decreto legge di prossima adozione da parte del Consiglio dei Ministri, relativo alle misure per il contenimento degli effetti dell'epidemia di Covid-19.

Il decreto legge introdurrà anche ulteriori sospensioni dei termini e misure fiscali a sostegno di imprese, professionisti e partite IVA colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria.

[Fonte: Ministero dell'Economia e delle Finanze | comunicato n. 50]


* CONFIDI TRENTINO IMPRESE SOSPENDE LA RATA DEI MUTUI FINO A SETTEMBRE 2020

 

Stop alle rate dei mutui. Confidi sospende tutte le richieste di pagamento, fino a settembre 2020, relative alle rate dei mutui diretti in regolare ammortamento erogati ai soci.

“In questo momento di straordinaria difficoltà ed emergenza per l’intera economia e per le imprese del Trentino – dice il presidente di Confidi Giuseppe Bertolini – abbiamo deciso, di nostra iniziativa, di rimanere al fianco delle imprese sostenendole con la sospensione delle richieste di pagamento. Una decisione certamente in linea con la mission di Confidi, ente che mira a intervenire non solo a sostegno delle aziende in crisi, ma anche di quelle in salute in modo che tutto il sistema possa fare squadra e rafforzarsi”.

Chiara dunque, in questo momento di estrema difficoltà, la decisione di continuare a sostenere le imprese sollevando temporaneamente gli imprenditori dalla rata mutuo concesso.

“Questa iniziativa - aggiunge il vicepresidente vicario di Confidi, Mauro Paissan - non inciderà sul rating (merito di credito per la valutazione Confidi ) e non comporterà nessun onere aggiuntivo oltre agli ordinari interessi relativi ai sei mesi di sospensione del pagamento”.

Confidi Trentino Imprese, ricordiamo, rappresenta l’aggregazione dei due Confidi, Cooperativa Artigiana di Garanzia SC e Confidimpresa Trentino SC, operanti in Provincia di Trento a servizio dei settori artigianato, industria, commercio, turismo e servizi e dei Liberi professionisti.

Presenta una compagine sociale multisettoriale ed opera con i principali istituti di credito attivi in Trentino Alto Adige.

 

Per maggior informazioni e dettagli https://confiditrentinoimprese.it/

 [Fonte: comunicato stampa Confidi Trentino]

 


 

CONTATTI Confidi Imprese Trentino:  0461/431819 per la parte Garanzie Uffici Area Crediti in Via Brennero, 182 – Trento | 0461/277777 per la parte Incentivi | Uffici Area Incentivi in Piazza Mosna, 5 – Trento 0461/431800 per la parte Direzione/Amministrazione/ Ufficio Soci | Uffici Sede Centrale in Via Comboni, 7 – Trento


* PROVVEDIMENTI DELLA PAT A SOSTEGNO DELLE IMPRESE

Vi segnaliamo che la provincia autonoma di Trento sta per approvare un disegno di legge concernente “Misure urgenti di sostegno per le famiglie, i lavoratori e i settori economici connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e altre disposizioni”

Sono previsti – grazie anche alle nostre numerose richieste e indicazioni - Disposizioni in materia di tributi (termini di versamento dell’Imposta Immobiliare Semplice IM.I.S.) per il periodo d’imposta 2020; Disposizioni a sostegno degli operatori economici (abbattimento interessi su linee di credito), misure per i lavoratori, misure urgenti a sostegno degli operatori economici, misure di semplificazione in materia di contributi alle imprese, etc.

Se vuoi conoscere le osservazioni di Confcommercio Trentino inoltrare alla Pat CLICCA QUI.  


Appena verrà approvato il ddl Vi daremo tempestiva informazione con tutti i dettagli.


* PROVVEDIMENTI STATALI

E' in arrivo il "super decreto" che prevede ad esempio stop a tasse e mutui, taglio delle bollette, stop alle scadenze fiscali, interventi sugli ammortizzatori sociali, sostegno alla liquidità delle imprese, etc.


*  PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE DELLE MISURE PER IL CONTRASTO E IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL VIRUS COVID-19 NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

Il documento, tenuto conto di quanto emanato dal Ministero della Salute, contiene linee guida condivise tra le Parti per agevolare le imprese nell’adozione di protocolli di sicurezza anti-contagio, ovverosia Protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID 19 negli ambienti di lavoro.

CLICCA QUI per visionare il testo

 

*  LA DIRETTIVA DEL DIRETTORE RUFFINI: STOP AD ACCERTAMENTI FISCALI E VERIFICHE

In questo momento di assoluta emergenza sanitaria,  è stato annunciato che sono sospese le attività di liquidazione, controllo, accertamento, accessi, ispezioni e verifiche, riscossione e contenzioso tributario da parte degli uffici dell'Agenzia delle Entrate a meno che non siano in imminente scadenza (o sospesi in base a espresse previsioni normative). 

È questa una delle  principali disposizioni contenute in una direttiva firmata dal direttore generale delle Entrate, a seguito del Dpcm dell’11 marzo 2020 per il contrasto alla diffusione del Coronavirus.
«Sono sospese - è il testo del comunicato diffuso dall'Agenzia - le attività di liquidazione, controllo, accertamento, accessi, ispezioni e verifiche, riscossione e contenzioso tributario da parte degli uffici dell'Agenzia delle Entrate a meno che non siano in imminente scadenza (o sospesi in base a espresse previsioni normative)».

Informazioni su accertamenti fiscali

Mauro Longo Area Contabile e Fiscale Servizimprese tel. +39 0461 880 600

 

*  UNAT CHIEDE ALLA PAT DI PROCRASTINARE IL PERCEPIMENTO DELLA NASPI PER I LAVORATORI STAGIONALI

UNAT con una nota del Presidente Giovanni Bort ha inviato una nota al Presidente della Pat per sottoporre una sottoporre una problematica particolarmente rilevante relativa ai lavoratori che hanno operato nella scorsa stagione e che attualmente vanno verso la conclusione del periodo di concessione della Naspi (Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego).
Il tema interessa in particolar modo le aziende del turismo che solitamente, in condizioni normali, in questo periodo si avvierebbero ad aprire le proprie strutture, ma che a causa dell’emergenza Coronavirus, si trovano costretti a procrastinare l’avvio della stagione di alcuni mesi.
Accadrà infatti che il personale stagionale concludendo il periodo di percepimento della Naspi e non potendo essere immediatamente riassunti nel consueto periodo, resteranno senza sostegno al reddito per due o più mesi.
Tale criticità, riferita all’assenza di sostegno al reddito di questi lavoratori, potrebbe portare i lavoratori stessi ad assumere la decisione di trovare altra occupazione.
Conseguentemente le aziende che avevano assunto e fidelizzato tali dipendenti si troveranno senza questa importante risorsa umana, con la quale avevano instaurato un rapporto di fiducia consolidato nel tempo e che consentivano di mantenere un livello qualitativo ottimale per la gestione delle imprese.
Si fa riferimento, in particolare alle strutture ubicate sui territori del Garda Trentino e della zona lacustre dell’Alta Valsugana. Vi è inoltre la preoccupazione che la medesima problematica si riproponga per il prossimo anno se non ci saranno interventi di estensione della Naspi.
UNAT quindi ha chiesto un intervento che consenta di estendere il sostegno al reddito attraverso l’attivazione di un’idonea copertura della spesa da parte della Provincia o comunque uno specifico provvedimento da sollecitare presso il Ministero del Lavoro, in quanto tale problematica, tra l’altro, interessa anche tutte le realtà italiane che operano in ambito turistico.


  SOSPENSIONE VERIFICHE DA PARTE DELLE GUARDIA DI FINANZA

A seguito dell’emergenza epidemiologica in atto, che ha determinato nell'Autorità di Governo la necessità di adottare disposizioni urgenti volte a contrastare la diffusione del COVID-19, la Guardia di finanza,  con circolare del 11 marzo 2020,  ha precisato che  su tutto il territorio nazionale, fino a cessate esigenze,  è sospesa l'esecuzione:

1) delle verifiche, dei controlli fiscali e in materia di lavoro, d'intesa con i contribuenti interessati, fatti salvi i casi di indifferibilità e urgenza;

2) dei controlli strumentali;

3) delle attività ispettive antiriciclaggio.

L’attività della Guardia di Finanza saranno prioritariamente orientate al contrasto delle condotte più marcatamente illegali e fraudolente nonché dei fenomeni illeciti che abbiano correlazione con l'emergenza sanitaria in atto. La circolare fa riferimento, a titolo esemplificativo, alle attività d'iniziativa volte alla prevenzione e repressione:

1) delle fattispecie di indebita percezione, frode e malversazione delle risorse pubbliche, destinate agli aiuti alle famiglie e alle imprese, nonché al potenziamento del Servizio sanitario nazionale e della ricerca;

2) delle pratiche anticoncorrenziali, degli accaparramenti e/o delle manovre speculative sui prezzi, commesse approfittando dell'aumento della richiesta, sul mercato privato e pubblico, di dispositivi di protezione individuale, di agenti biocidi e di elettromedicali;

 

3) di qualsiasi forma di illecito, anche riconducibile a reati contro la Pubblica Amministrazione, nelle procedure pubbliche volte all'approvvigionamento di materiale sanitario ed elettromedicale.


 


* INFO & ASSISTENZA


Rimaniamo a disposizione per ogni chiarimento in merito.  Scrivete i vostri dubbi a info@unat.it

Clicca qui per accedere alla sezione aggiornamenti coronavirus

SEZIONE AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS

Pagina dedicata agli aggiornamenti su indirizzi per la gestione dell'emergenza Covid-19 nelle aziende, Viaggiare sicuri in Trentino, aggiornamenti azioni Trentino Marketing, linea diretta con la PAT, Numeri utili, Specifiche turismo scolastico, informazioni di sintesi sulle cancellazioni, zone contingentate, Fondo di solidarietà lavoratori, etc. 

Vai alla sezione https://www.unat.it/IT/coronavirus/

Confcommercio
UNAT- Unione Albergatori, aderente a Confcommercio Imprese per l'Italia - Trentino UNIONE
Telefono: +39 0461 880111 - Fax:+39 0461 880300 - P.IVA 02097330225 - CF 96007290222
38121 Trento - c/o UCTS Via Solteri, n.78 - Italia - Scrivici