Ti piace? Condividi!
LIMITAZIONE ALLA SOMMINISTRAZIONE E VENDITA DI BEVANDE ALCOLICHE: pronto il cartello obbligatorio con obbligo di esposizione a partire dal 25 agosto 2010
NOTA BENE: ALL’INTERNO DELL NEWS PUOI SCARICARE IL CARTELLO OBBLIGATORIO DA AFFIGGERE
 23/08/2010   Tipologia news: Normativa nazionale   Fonte: Nostre elaborazioni
Visualizza anteprima di stampa Torna indietro


Il nuovo cartello del divieto no alcol scaricabile dai soci

Per quanto attiene le recenti modifiche al Codice della Strada, è stato introdotto il divieto di  somministrare e vendere bevande alcoliche e superalcoliche dalle 3 alle ore 6 in tutti i pubblici esercizi, in spazi ed aree pubblici ovvero nei circoli privati  (alberghi, ristoranti, bar, pub, locali da ballo e di intrattenimento, agriturismi, circoli privati, fiere, sagre, manifestazioni varie, ecc.).

Tale divieto entra in vigore il 13 agosto 2010 (N.B. il divieto non trova applicazione in caso di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche effettuate nella notte tra il 31 dicembre e 1° gennaio e nella notte tra il 15 e il 16 agosto)

Sanzioni: L’inosservanza è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 20.000. In caso di recidiva nel corso del biennio, è disposta la sospensione della licenza o dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività per un periodo da 7 (sette) fino a 30 (trenta) giorni.


In tema di bevande alcoliche in Provincia di Trento è stato recentemente approvato il ddl n. 56/2009 (proponente Chiocchetti) recante norme a “tutela dei minori dalle conseguenze legate al consumo di bevande alcoliche”. Questa legge provinciale sarà pubblicata il 10 agosto dal Bollettino ufficiale ed entrerà, quindi, in vigore il 25 agosto prossimo.

L’articolo 2 della legge dispone che è vietata la somministrazione, la vendita, nonché l’offerta, a titolo gratuito o
di assaggio, di bevande alcoliche a soggetti minori di anni 18

  • in tutti gli esercizi di somministrazione, anche a carattere temporaneo,
  • negli esercizi alberghieri ed extra-alberghieri,
  • negli esercizi agrituristici,
  • negli esercizi commerciali, anche su area pubblica,
  • nei rifugi alpini ed escursionistici,
  • nelle manifestazioni fieristiche
  • in tutte le altre strutture o aziende, anche agricole, artigianali o industriali, nelle quali è autorizzata o ammessa, a qualsiasi titolo, la somministrazione o la vendita di bevande alcoliche.


Ai fini dell’applicazione del divieto, chi somministra o vende potrà esigere di prendere visione di un documento di identità atto a comprovare l’età; nell’ipotesi di mancata esibizione la somministrazione dovrà essere rifiutata.

E’ inoltre previsto l’obbligo di rendere pubblico il divieto di somministrazione o vendita di bevande alcoliche ai minori di anni 18 con appositi cartelli da esporre all’esterno o all’interno dei locali e delle strutture interessate dal divieto.

A breve, verrà inviata ai soci una circolare informativa, contenente anche le recenti novità in materia di revisione del Codice della Strada, con allegati i cartelli recanti il divieto di somministrazione e vendita di alcolici ai minori di anni 18, che gli operatori dovranno esporre nel proprio locale.

Il cartello sul divieto di alcol ai minori scaricabile per i soci
*
file pdf Cartello divieto alcol ai minori di 18 anni 
Da qui puoi scacricare il cartello divieto alcol ai minori di 18 anni. Dal 25 agosto obbligo di esposizione. -Cartello riservato ai soci / vietata la riproduzione non autorizzata.
 
LE NUOVE NORME "NO ALCOL" PER I MINORI DI 18 ANNI
*

Tutti i dettagli sulla nuova normativa disponibili per i soci.
novità in materia di somministrazione e vendita di bevande alcoliche
1) Divieto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche ai minori di anni 18 e obbligo di esposizione
del cartello di divieto
2) Divieto di somministrazione e vendita di alcol nelle ore notturne
3) Obblighi dei pubblici esercizi che proseguono la loro attività dopo le ore 24
 

SPOT: L’alcol crea dipendenza !

Ogni soggetto sociale coinvolto nel fenomeno deve lavorare sulla prevenzione

Ogni soggetto sociale coinvolto nel fenomeno deve lavorare sulla prevenzione, sull’informazione e sulla formazione: i pubblici esercizi aderenti alle nostre associaioni (in primis l’Associazione Pubblici Esercizi) hanno già intrapreso questo percorso e molti gestori hanno operato una scelta imprenditoriale in controtendenza, offrendo alla propria clientela giovanile una alternativa “analcolica” al bere in compagnia e durante i momenti di svago e divertimento ...
Confcommercio
UNAT- Unione Albergatori, aderente a Confcommercio Imprese per l'Italia - Trentino UNIONE
Telefono: +39 0461 880111 - Fax:+39 0461 880300 - P.IVA 02097330225 - CF 96007290222
38121 Trento - c/o UCTS Via Solteri, n.78 - Italia - Scrivici