ENTRO IL 30 NOVEMBRE 2022 VA FATTA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PER GLI AIUTI DI STATO CONNESSI AL COVID
La scadenza riguarda le imprese che hanno ricevuto agevolazioni statali e che non hanno già fatto l'autodichiarazione quando hanno presentato la domanda di un precedente contributo
 01/06/2022   Tipologia news: Normativa turismo nazionale   Fonte: Nostre elaborazioni
Visualizza anteprima di stampa Torna indietro



Le imprese che negli ultimi 2 anni (2020 e 2021) hanno ricevuto aiuti di stato per l'emergenza Covid-19 devono presentare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio all'Agenzia delle Entrate entro il 30 novembre 2022 indicando gli importi ricevuti.


Ciò al fine di attestare che l'importo complessivo dei sostegni economici ricevuti  non sia superiore ai massimali indicati a livello europeo. 


Tra gli aiuti citiamo ad esempio: contributi a fondo perduto per perdita fatturato, cancellazione seconda rata Irap 2019 ed acconto 2020, riduzione sanzioni su avvisi bonari di liquidazione delle imposte, esonero RAI abbonamenti speciali (anno 2021).

 

La dichiarazione va presentata con modalità telematiche direttamente dal contribuente o per il tramite del soggetto incaricato della trasmissione delle dichiarazioni. 

 

È opportuno precisare che la presentazione della dichiarazione sostitutiva non è obbligatoria nel caso in cui essa sia già stata fatta in sede di presentazione di una precedente domanda per aiuti che già prevedevano l'autodichiarazione (per esempio contributo perequativo) a meno che dopo tale presentazione non abbia ricevuto altri contributi.

La dichiarazione è invece obbligatoria qualora l'impresa abbia fruito degli aiuti riconosciuti ai fini IMIS, qualora abbia superato i limiti massimi spettanti e deve riversare gli aiuti eccedenti i massimali previsti, qualora si sia avvalsa della possibilità di assegnare la medesima misura in parte alla Sezione 3.12 (avendone i requisiti) e in parte alla Sezione 3.1 del cosiddetto “Temporary Framework”. 

Per la redazione della dichiarazione si consiglia di raccordarsi tempestivamente con il proprio consulente contabile.


 

 

Confcommercio
UNAT- Unione Albergatori, aderente a Confcommercio Imprese per l'Italia - Trentino UNIONE
Telefono: +39 0461 880111 - Fax:+39 0461 880300 - P.IVA 02097330225 - CF 96007290222
38121 Trento - c/o UCTS Via Solteri, n.78 - Italia - Scrivici