CORONAVIRUS: AGGIORNAMENTI NORMATIVI
Info e dettagli sulla situazione in Trentino utili per gli ospiti in 6 lingue | azioni in corso | assistenza ai soci
 12/03/2020   Tipologia news: Normativa turismo nazionale   Fonte: Nostre elaborazioni
Visualizza anteprima di stampa Torna indietro



CLICCA QUI per accedere alla sezione aiuti alle imprese
* SEZIONE AIUTI ALLE IMPRESE - Nuova sezione

Pagine dedicata agli aggiornamenti sugli strumenti normativi, indicazioni operativi, moduli etc relativi agli aiuti alle imprese.
Disposizioni in materia di tributi, disposizioni a sostegno degli operatori economici (abbattimento interessi su linee di credito), misure per i lavoratori, misure urgenti a sostegno degli operatori economici, misure di semplificazione in materia di contributi alle imprese, etc.

Vai alla sezione https://www.unat.it/IT/cvaiuti 

In aggiornamento: ultimo aggiornamento:  martedi 26  maggio 2020


*EMESSI I PROTOCOLLI DI GESTIONE COVID-19 PER LE ATTIVITA’ DI ACCOGLIENZA ALBEGHIERA ED EXTRALBEGHIERA

Nella news puoi trovare i file del protocollo hotel da scaricare e la cartellonistica base valevole sia per le per strutture alberghiere che extralberghiere [Aggiornamento 26/05/2020]


* VENDITA PER ASPORTO: LE LINEE GUIDA OPERATIVE PER RISTORANTI, BAR E OPERATORI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE [29 aprile 2020] [Aggiornamento 07/5/2020]


*  CANCELLAZIONI PER SOPRAVVENUTA IMPOSSIBILITÀ E RIMBORSI A MEZZO VOUCHER  Le novità introdotte dalla Legge di conversione n. 27/2020 del Decreto Legge «Cura Italia» per le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere, campeggi e agenzie di viaggio. [Aggiornamento 07/5/2020]


*  NOVITA' PER I PUBBLICI ESERCIZI SULL'ATTIVITA' DI ASPORTO E' CONCESSO IL CONSUMO ALL'APERTO MA SENZA ASSEMBRAMENTI E RISPETTANDO LE DISTANZE [Aggiornamento 07/5/2020]   [Ordinanza entrata in vigore il  7 maggio 2020.] Una nuova Ordinanza introduce delle novità sull'attività di vendita per asporto da parte dei pubblici esercizi.

 


*  MANUTENZIONE HOTEL: albeghiero ed extralbrghiero > cosa cambia  Agg.to 9 aprile 2020

E ‘ primavere e l’estate è presto vicina. Sia per chi opera nel comparto alberghiero che extralberghiero si  pone il problema dell’attività di manutenzione delle strutture.
Va precisato che in base ai decreti emanati le attività alberghiere corrispondenti ai codici Ateco 55.1 non sono state chiuse mentre le attività ricettive corrispondenti al codice Ateco 55.2 sono state sospese.

Come si preocede quindi alle attività di manutenzione nei due comparti? 

 

>> CLICCA QUI tutti i dettagli e scaricare il modulo


*  OMS Linee guida operative: considerazioni operative per la gestione del COVID-19 nel settore alberghiero, linee guida provvisorie, versione aggiornata al 31 marzo 2020. CLICCA QUI per scaricare la guida  11 aprile 2020


* NUOVO DPCM 22 MARZO 2020 22  marzo 2020

Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il dpcm che introduce ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.  CLICCA QUI



* NUOVA AUTOCERTIFICAZIONE - 17 marzo 2020

Nuovo motedello autocertificazione per autodichiarare i propri spostamenti. CLICCA QUI


* INDICAZION PER GESTIONE EMERGENZA |Newsletter UNAT 13 marzo 2020

 

Indirizzi per la gestione dell'emergenza Covid-19 nelle aziende.

 

Vi alleghiamo di seguito il documenti dell'Azienda sanitaria "Indirizzi per la gestione dell'emergenza Covid-19 nelle aziende" condiviso con l'Assessorato all'artigianato, commercio, promozione sport e turismo.

 

Si tratta dei seguenti documenti:

 

file pdf Ordinanza PAT: Misure per la prevenzione e la gestione dell'emergenza #COVID19CLICCA QUI per scaricare il file

 

file pdf Vademecum per la gestione dell'emergenza Covid-19 nelle aziende | CLICCA QUI per scaricare il file

 

file pdf Indicazioni per la gestione dell’emergenza COID19 nelle aziendeCLICCA QUI per scaricare il file

 

 

* DOMANDE E RISPOSTE | Newsletter 12 marzo 2020

 

Cari associati

Come avrete già appreso dalla stampa è stato adottato un nuovo decreto dal Presidente del Consiglio dei Ministri e recante ulteriori misure in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 sull'intero territorio nazionale.


In particolare vi segnaliamo la risposta alle domande:

 

Gli alberghi sono soggetti alla sospensione?

 

Il nuovo provvedimento non menziona gli alberghi e pertanto le strutture ricettive possono rimanere aperte e possono accettare solo le persone che si muovono per motivi comprovate esigenze lavorative e spostamenti per motivi di salute. La protezione civile ha infatti ribadito che sull’intero territorio nazionale gli spostamenti per motivi di turismo sono assolutamente da evitare. I turisti italiani e stranieri che già si trovano in vacanza debbono limitare gli spostamenti a quelli necessari per rientrare nei propri luoghi di residenza, abitazione o domicilio. [Fonte: Governo.it/ Faq]

 

Cosa devo fare per chiudere la struttura ricettività?

Vedi sezione successiva CHIUSURA ATTIVITA'

 

Come trova applicazione la limitazione relativa alle attività di somministrazione e bar, alle strutture turistico ricettive?

 

Le strutture ricettive possono svolgere attività di somministrazione e bar anche nella fascia oraria dalle ore 18 alle ore 6, esclusivamente in favore dei propri clienti e nel rispetto di tutte le precauzioni di sicurezza di cui al dpcm dell’8 marzo. [Fonte: Governo.it/ Faq]

 

Come si deve comportare la struttura turistico ricettiva rispetto ad un cliente? Deve verificare le ragioni del suo viaggio?

 

Non compete alla struttura turistico ricettiva la verifica della sussistenza dei presupposti che consentono lo spostamento delle persone fisiche. [Fonte: Governo.it/ Faq]


Cosa prevede il decreto per gli spostamenti per turismo?


Sull’intero territorio nazionale gli spostamenti per motivi di turismo sono assolutamente da evitare. I turisti italiani e stranieri che già si trovano in vacanza debbono limitare gli spostamenti a quelli necessari per rientrare nei propri luoghi di residenza, abitazione o domicilio.Poiché gli aeroporti e le stazioni ferroviarie rimangono aperti, i turisti potranno recarvisi per prendere l'aereo o il treno e fare rientro nelle proprie case. Si raccomanda di verificare lo stato dei voli e dei mezzi di trasporto pubblico nei siti delle compagnie di trasporto terrestre, marittimo e aereo.

 

 

Lavoratori stranieri (in particolare rumeni)

 

Diverse strutture ricettive ci hanno sottoposto in questi giorni la problematiche dei lavoratori rumeni che hanno terminato il loro lavoro ed ora si pone il problema del rientro. Come associazione abbiamo nei giorni scorsi comunicato alle strutture le modalità percorribili per il rientro. Ora purtroppo sono chiuse le varie frontiere e rientrare in Romania risulta praticamente impossibile.

Abbiamo interessato il consolato rumeno e le autorità provinciali per trovare una soluzione. Vi terremo aggiornati sul tema

 


 

* PRECISAZIONI SUI PUBBLICI ESERCIZI - Dpcm 11 marzo 2020
 

Aggravandosi sempre più la situazione epidemiologica sul territorio nazionale, il Governo ha applicato in maniera ancor più restrittiva urgenti misure di contenimento dell’epidemia e, dunque:
confermiamo che sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.

E’ stato quindi chiarito che la predetta attività di consegna al domicilio può essere svolta nel rispetto dei necessari requisiti igienico sanitari (aggiornamento SCIA igienico sanitaria alla APSS; aggiornamento del piano di autocontrollo HACCP, ecc.).

Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e di rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.


BAR con LICENZA TABACCHI

I bar - tabacchi possono restare aperti a condizione che vi sia una inequivocabile chiusura dell’attività di bar (tramite affissione di cartelli e avvisi, apposizione di nastri o separazioni, rimozione della merce o utilizzo di teli coprenti, ecc.).
E’ importante ribadire che dovrà essere sempre garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.Le disposizione del provvedimento sono in vigore da oggi 12 marzo ed efficaci fino al 25 marzo 2020.

 

 

 

VENDITA PER ASPORTO: LE LINEE GUIDA OPERATIVE PER RISTORANTI, BAR E OPERATORI DELLA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE [29 aprile 2020]

NOVITA' PER I PUBBLICI ESERCIZI SULL'ATTIVITA' DI ASPORTO E' CONCESSO IL CONSUMO ALL'APERTO MA SENZA ASSEMBRAMENTI E RISPETTANDO LE DISTANZE [Ordinanza entrata in vigore il  7 maggio 2020.]

 

INFO E AGGIORNAMENTI SU CORONAVIRUS 


 

UNAT e Confcommercio Trentino si sono attivate da subito per fornire informazioni ai propri associati e per sollecitare un intervento ufficiale delle autorità locali preposte che facciano chiarezza sull’effettiva situazione in provincia di Trento.


 


 

* COMUNICAZIONE AZIENDA SANITARIA | 6 marzo 2020
6 marzo 2020. Comunicazione importante della Azienda provinciale per i Servizi Sanitari della provincia di Trento in merito al contenimento del Coronavirus del 6 marzo 2020. CLICCA QUI per scaricare la comunicazione

 

 

* VIAGGIARE SICURI IN TRENTINO

In aggiunta alle informazioni sopra riportate da utilizzare per informare i vostri clienti nelle varie lingue segnaliamo che Trentino Booking, società di UNAT, ha predisposto una pagina informativa dal titolo viaggiare sicuri in Trentino. Clicca qui

 

* INFORMAZIONI SUL CORONA VIRUS IN TRENTINO (CLICCA QUI)

Trentino Marketing ha predisposto una pagina dedicata al Corona Virus sotto forma di F.A.Q con le domande più frequenti che in questi giorni ci vengono poste dai nostri ospiti riguardo alla situazione Coronavirus in Trentino.  Questo faciliterà una comunicazione coordinata di tutto il nostro sistema turistico verso ospiti e operatori, anche internazionali, che hanno bisogno di informazioni aggiornate e coerenti con la reale situazione.

 

Qui sotto trovi i link alle altre lingue straniere (clicca sulla relativa lingua)

 

ITALIANO INGLESE TEDESCO POLACCO CECO RUSSO OLANDESE

 

 

* LINEA DIRETTA CON LA PAT

Confcommercio Trentino è costantemente ai tavoli di lavoro organizzati per l’emergenza coronavirus anche al fine di considerare eventuali interventi a sostegno delle imprese (quali ad esempio moratoria sui mutui, cassa integrazione, slittamento del pagamento dei tributi, ecc.) affinché il sistema economico possa affrontare questo periodo di forte apprensione e le sue impredicibili evoluzioni.

 

* NUMERI UTILI

Vi ricordiamo che è stato allestito un numero verde (800 867388)  per richiedere informazioni mentre per le emergenze vale sempre il 112

 

* SPECIFICHE SU TURISMO SCOLASTICO

 

In base ai recenti decreti sono sospesi fino al 4 aprile 2020 i viaggi di istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio e le uscite didattiche programmate dalle istituzioni scolastiche. Salvo ulteriori e diverse previsioni, i viaggi di istruzione con partenze per date successive al 4 aprile restano validi ed efficaci per le destinazioni anche straniere che non abbiano adottato nel frattempo misure restrittive all’ingresso per turisti italiani.



* ALCUNE INFORMAZIONI DI SINTESI SULLE CANCELLAZIONI

Il Trentino non è attualmente classificato come area a rischio e non c'è pertanto alcun motivo per annullare la vacanza da parte dei clienti, non provenienti dalle zone a rischio (Rif. DPCM 23 febbraio 2020).


Nell’eventualità venga cancellata una prenotazione, si applicano le condizioni generali di annullamento della rispettiva struttura ricettiva.

Ricordiamo che se il cliente proviene da una "zona contingentata"  (vedi sezione successiva) dove il contagio è dichiarato dalle competenti autorità locali la caparra va restituita perché l'inadempimento non dipende da volontà del cliente. Negli altri casi, se il cliente volontariamente disdice adducendo una semplice preo

ccupazione e precauzione personale, la struttura ricettiva può trattenere la caparra a titolo di inadempimento oppure concordare con il cliente di posticipare il soggiorno ad altro periodo prorogando la validità della caparra versata. La situazione di incertezza è tale da consigliare comunque una certa flessibilità nella gestione delle disdette.


* COMUNI DELLE ZONE CONTINGENTATE


Il Presidente del Consiglio dei ministri ha adottato un nuovo decreto, che aggiorna le misure urgenti per il contrasto e il contenimento del diffondersi del virus COVID-19 

La principale novità consiste nell’estensione a tutto il territorio nazionale delle misure restrittive in precedenza previste solo per la regione Lombardia e per le province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell'Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia ai sensi dell’articolo 1 del decreto 8 marzo 2020.

Il nuovo decreto dispone la misura del divieto di ogni spostamento in entrata e uscita dai territori e all’interno degli stessi, salvo che per 


1. comprovate esigenze lavorative 

2. situazioni di necessità 

3. spostamenti per motivi di salute.


Si ritiene, pertanto, che nelle tre ipotesi sopra citate, tra cui quella delle “comprovate esigenze lavorative”, la mobilità sia consentita.


Le strutture ricettive che ricevono prenotazioni dalle zone sopra citate dovranno richiedere a tali ospiti  un'autocertificazione per attestare una delle 3 condizioni sopra riportate

 

Fonte: DPCM 8 marzo 2020 CLICCA QUI per visionare il testo integrale | CLICCA QUI   per visionare il testo esplicativo redatto da Confcommercio.  Vedi l'ultimo DPCM 10 marzo 2020 CLICCA QUI


NOTA BENE: le strutture ricettive a far data dal 10 marzo 2020 possono accettare solo le persone che si muovono sul territorio per i 3 motivi sopra riportati con la relativa autocertificazione. CLICCA QUI

 

* CHIUSURA ATTIVITÀ

Le chiusure delle attività ricettive e della ristorazione sono disciplinate dall’art. 20 comma 1 Art. 20 LP 9 2000 “Disciplina dell'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e dell'attività alberghiera”.
Art 20 Chiusura temporanea degli esercizi alberghieri e degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico

La chiusura temporanea superiore a otto giorni consecutivi degli esercizi alberghieri e degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico è comunicata al comune almeno cinque giorni prima della data d'inizio della chiusura, salvo cause di forza maggiore, con l'indicazione della durata della chiusura.
L’articolo sopra riportato prevede che la comunicazione di chiusura venga effettuata  5 giorni prima della data di chiusura ma considerata l’emergenza Coronavirus in linea generale i comuni accettano la comunicazione di chiusura anche il giorno stesso della chiusura. 

 

NOTA BENE

 

L’ordinanza di data 18 marzo 2020 del Presidente della Provincia Autonoma di Trento (Disposizioni relative a misure straordinarie in materia di termini di procedimenti amministrativi e scadenze per adempimenti e obblighi informativi in ragione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 e altre disposizioni in materia di personale) ha disposto al punto 5 quanto segue:“Per tutte le realtà produttive dislocate sul territorio provinciale, contemplate o meno dai decreti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID¬19 citati in premessa, per le quali la modalità ordinaria di comunicazione della chiusura temporanea dell’attività avviene attraverso l’utilizzo della piattaforma SUAP – Sportello Unico telematico per le attività produttive, tenuto conto della situazione di profonda incertezza e delle impellenti esigenze di snellimento e semplificazione, si propone, in accordo con il Consorzio dei comuni trentini, la deroga a tale modalità che è sostituita con la semplice comunicazione delle informazioni essenziali mediante posta elettronica certificata (PEC) al Comune competente"

 

Clicca qui per scaricare il facsimile di comunicazione

 



 

* FONDO DI SOLIDARIETA' - LAVORATORI: COSA FARE    

 

…. Il Fondo garantisce un assegno ordinario di integrazione salariale nei limiti stabiliti dal decreto istitutivo (massimo 13 settimane, prorogabili per ulteriori 13 settimane, vedi art. 6, comma 2, DI n. 103593 del 2019) per i dipendenti di aziende che sospendano l’attività «in relazione a causali previste dalla normativa in materia di integrazione salariale ordinaria, ad esclusione delle intemperie stagionali » ai sensi dell'art. 5, comma 1, DI n. 103593 del 2019 …….

DOCUMENTI Per tutti i dettagli scarica il file con la nota esplicativa (clicca qui) e lo schema di domanda di accesso al fondo do solidarietà  (clicca qui)





 
 

* CONT@TTI | INFO E SUPPORTO PER I SOCI

In ogni caso per informazioni relative a prenotazioni, cancellazioni, gestione caparre, partenze anticipate e problematiche legate alla gestione dei rapporti di lavoro è possibile confrontarsi direttamente con i funzionari Confcommercio sotto indicati

Segreteria UNAT – Unione Albergatori | info@unat.it Alfonso Moser e Giovanni Benaglia tel 0461-880111

Ufficio legislativo | legislativo@unione.tn.it  Mila Bertoldi – tel. 0461/880326 |Alberto Pontalti – tel. 0461/880325 |Ferruccio Veneri – tel. 0461/880324

Ufficio relazioni sindacali e lavoro | lavoro@unione.tn.it  Giannina Montaruli – tel. 0461/880349

 



Clicca qui per accedere ai documenti utili Coranavirus

A tale sezione dedicata troverai tutti i documenti utili quali ad esempio

Vari DPCM emanati dal Governo | Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro |  Indicazioni e Vademecum per la gestione dell’emergenza COID19 nelle aziende | Ordinanze Pat | Autocertificazione spostamenti |Nota fondo di solidarietà per i lavori dipendenti e facsimile domande al Fondo |Dieci comportamenti da seguire in 3 lingue su Coronavirus redatto con la collaborazione della PAT |  Tabella di sintesi con le misure adottate in Trentino …. e molto altro ancora

Clicca qui per accedere

 

Confcommercio
UNAT- Unione Albergatori, aderente a Confcommercio Imprese per l'Italia - Trentino UNIONE
Telefono: +39 0461 880111 - Fax:+39 0461 880300 - P.IVA 02097330225 - CF 96007290222
38121 Trento - c/o UCTS Via Solteri, n.78 - Italia - Scrivici